mercoledì 30 gennaio 2013

Stamattina mi sono vestita al buio

Che cosa c'entra il titolo di questo post con un blog di cucina? Apparentemente niente, in verità. È stata semplicemente la mia risposta ai complimenti di una collega per il mio look (complimenti benaccetti, s'intende, ma a mio parere fuori luogo visto che non mi piacevo per nulla quella mattina). Una risposta che ha generato questa sua frase: "Potrebbe essere il titolo di un libro!". Ed eccoci qua.

La ricettina del giorno, però, ammetto che un po' prende spunto dall'espressione "mi sono vestita al buio": nel caso di cui sopra l'ho utilizzata per intendere "mi sono messa addosso un po' di roba a casaccio". Ho accocchiato qualcosa, insomma, come si direbbe dalle mie parti. Che poi è esattamente quello che ho fatto domenica scorsa con la torta della settimana.

Con la pasticceria, è noto, non si scherza. Se per il resto delle preparazioni si può andare a occhio, si può dare libero sfogo alla fantasia e alla creatività, si può improvvisare, con i dolci tutto questo non solo non è consigliabile ma è praticamente abominio. Ebbene, per stavolta io me ne sono allegramente fregata e ho pensato di inventarmi letteralmente questo dolce, usando ingredienti a casaccio, pesandoli a occhio, mischiandoli a naso e cuocendoli a muzzo. Temevo di aver fatto un pasticcio da 10 e lode e invece ho sfornato una ciambella al cocco di tutto rispetto. La prossima volta, cambierò un po' le proporzioni tra farina 00 e farina di cocco. Ma, in fondo, è già tanto che ci sarà una prossima volta.

Ciambella al cocco

  • 180 gr. di farina 00 (ma farei 220 gr.)
  • 120 gr. di farina di cocco (ma farei 80 gr.)
  • 250 ml. di panna fresca
  • 3 uova
  • 3 cucchiai di rhum
  • 1 bustina di lievito
  • cioccolato bianco e scaglie di cocco essiccato per decorare
In una terrina, montare le uova con lo zucchero, quindi unire la panna. Aggiungere poco per volta le due farine miscelate, alternando con il rhum. Unire solo alla fine il lievito e incorporarlo con cura. Versare il composto in uno stampo imburrato e infarinato e cuocere la ciambella a 180° per 40' circa. Mentre si lascerà raffreddare il dolce su una gratella, sciogliere a bagnomaria il cioccolato e, solo quando la ciambella sarà completamente fredda, utilizzarlo per decorare a piacere la superficie, aiutandosi con una forchetta. Spolverare di scaglie di cocco e aspettare che il cioccolato si solidifichi. Nel latte la mattina è una vera bomba!


Nessun commento: