mercoledì 10 aprile 2013

Quella voglia di crostata

"Sai di che cosa avrei propria voglia? Di una bella crostata! Fragrante, burrosa e buona, come quelle che faceva mia nonna". Il desiderio in questione era di Girogiò, non mio. Anche perché io, ahimé, non posso contare su ricordi di questo genere: nonna E l'ho persa che avevo poco più di quattro anni e quello che mi rimane di lei è un'agenda della mutter piena, per metà, di ricette sue; nonna P, invece, beh lì è una storia lunga e complicata... diciamo che non l'ho mai vissuta molto, ma il suo cavallo di battaglia sono sempre stati i ravioli di magro al ragù. Non i dolci.

Comunque sia, sulla scia dei ricordi mangerecci dell'infanzia di Girogiò un paio di sere fa è venuta voglia pure a me di crostata e ho pensato di esaudire il suo desiderio. Solo che, come al mio solito, ho voluto approfittarne per fare un esperimento: avendo finalmente l'occasione di utilizzare una salsa di arancia al profumo di rum fatta in casa (e custodita gelosamente per mesi), ho pensato bene di fare una frolla a base di farina integrale "tagliata" con quella di kamut. Il risultato non è stato affatto male, ma col senno di poi tra la frolla e lo strato di salsa all'arancia avrei messo un leggero strato di crema pasticcera per addolcire un po' il tutto. Non paga, con la pasta frolla avanzata ho fatto delle crostatine ai mirtilli che pure hanno avuto il loro perché. Insomma, la nostra voglia di crostata è stata decisamente appagata...

Crostata di kamut e farina integrale con salsa all'arancia

  • 300 gr. di farina integrale
  • 200 gr. di farina di kamut
  • 250 gr. di burro
  • 250 gr. di zucchero
  • 2 uova + 1 tuorlo
  • salsa di arancia al rum
  • zucchero a velo

Impastare le due farine con le uova e il tuorlo, lo zucchero e il burro a pezzetti fino a ottenere un composto liscio e omogeneo. Farlo riposare, avvolto nella pellicola, per una ventina di minuti nel frigorifero quindi stenderla, non troppo sottile, su un piano infarinato e foderare il fondo di una pirofila imburrata e infarinata. Bucherellare il fondo, coprirlo con un po' di carta stagnola e aggiungere dei "pesi"; di solito si usano i fagioli secchi, io ho queste palline di ceramiche apposta per l'uso:


Infornare per un quarto d'ora circa a 180°. Intanto, preparare le fettucce di decorazione con la pasta avanzata. Sfornare la torta, liberarla dalla carta argentata e dai pesi quindi ricoprirla con un generoso strato di salsa all'arancia. Decorare "a rete" la superficie della crostata con il resto della pasta e rimettere in forno per altri 25-30 minuti. Una volta cotta, aspettare che intiepidisca prima di sformarla e che si raffreddi completamente prima di spolverizzarla con lo zucchero a velo.







Crostatine ai mirtilli freschi
  • pasta frolla avanzata
  • 100 gr. di mirtilli freschi
  • 2 cucchiai di farina di cocco
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • scorza di limone grattugiata
Lavare e asciugare i mirtilli, quindi mescolarli in una terrina alla farina di cocco, zucchero e scorza di limone. Foderare il fondo di 3 stampini imburrati e infarinati con un dischetto di pasta, bucherellare e farcire con il composto di mirtilli; coprire le 3 crostatine con altrettanti dischetti di pasta e sigillare bene. Spennellare la superficie con un po' di latte freddo e spolverizzare di zucchero di canna. Infornare a 200° per 20 minuti circa.


Nessun commento: