venerdì 31 gennaio 2014

Ho comprato la caccavella #08: la griglia per crostate

Nonostante mi piacciano moderatamente e non ho ancora capito quanto mi diverta anche farle, le crostate le cucino spesso. Sarà che ho sempre avuto l'idea che preparare una crostata fosse un mega sbattimento (più dei dolci lievitati, più di quelli monoporzione, più di quelli multistrato), quasi sempre opto per la versione rapida, ovvero disco di frolla cotto "in bianco" direttamente sulla leccarda del forno, farcito con marmellata o cioccolata a metà cottura e decorato con formine di pasta sul bordo.

Quando, però, ho visto on line questo stampo con cui realizzare una perfetta griglia decorativa di frolla in appena quattro mosse, non ho resistito e qualche tempo dopo l'ho acquistato. Purtroppo, però, si è rivelato una grandissima delusione: forse, non avevo spolverato a sufficienza di zucchero a velo la pasta, forse l'avevo stesa troppo sottile, fatto sta che la mia griglia è venuta fuori tutta sbrindellata, senza possibilità di recuperarla in alcun modo. Senza considerare la fatica che ho fatto per liberare ogni singolo rombetto dai pezzi di pasta residui.

Numero di volte utilizzato finora: UNA
Consigliato da 1 a 10: 1, ma con riserva


Nessun commento: