mercoledì 12 febbraio 2014

Benvenuti a fagiolandia

Se c'è una cosa che l'influenza, o il malessere fisico in generale, non mi toglie proprio mai è l'appetito. E non perché quello vien mangiando, come dicono, ma proprio perché non lo perdo. Punto. Per esempio, pensiamo a quando avevo gli orecchioni: avrò avuto una decina di anni, forse meno, ma ricordo ancora perfettamente il senso di frustrazione e di ingiustizia, la morte nel cuore che avevo una sera mentre il Boss cenava allegramente con un piatto di tortellini in brodo, incurante della fringuellina-con-una-faccia-così che lo osservava implorante dal divano... Non provavo alcun dolore se non quello di non aver potuto cenare con quella sua stessa prelibatezza. Ero talmente concentrata su ogni suo movimento, sul percorso che il cucchiaio faceva dal piatto alla bocca e poi ancora al piatto, che a un certo punto lui, spazientito, smise di mangiare. 

Insomma, io sono sempre stata una buona forchetta e anche questa volta non sarà certo un'influenza a tenermi a digiuno. Parlavo qui della produzione di legumi per un esercito che ho fatto in questi giorni. I fagioli sono da sempre i miei preferiti, anche se sono spesso andata "a periodi": per un tot ho prediletto in assoluto i cannellini, per un lungo tot invece i borlotti; poi c'è stata la fase di quelli neri e quelli preparati alla messicana, poi di nuovo borlotti e ora è il momento di quelli dall'occhio che, ho scoperto, hanno un tempo di cottura molto inferiore rispetto agli altri. Nel negozietto cinese qui sotto casa ho già adocchiato un altro tipo, gli azuki, quelli verdi e piccoli quasi come lenticchie... Non ho idea di che sapore abbiano, ma sono certa che saranno i prossimi che acquisterò.

Insalata di fagioli dall'occhio, tonno e zenzero
x 2 persone
  • 60 gr di fagioli dall'occhio
  • 1 scatoletta di tonno sott'olio da xx gr
  • 15 olive nere denocciolate
  • 1 pezzetto di radice di zenzero fresco
  • 1 costa di sedano verde
  • olio
  • succo di 1/2 limone
  • sale
  • 1/2 scalogno
Mettere in ammollo i fagioli per almeno sei ore, quindi eliminare quelli saliti a galla, scolarli e sciacquarli. Lessarli in acqua bollente e salata (deve essere il triplo del peso dei fagioli) per 40 minuti circa, quindi scolarli e metterli in una terrina. Intanto, affettare lo scalogno finemente, metterlo in una ciotolina con un cucchiaio di olio e un dito d'acqua e passarlo al microonde per 40 secondi al massimo della potenza. Scolare il tonno dall'olio di conservazione, sminuzzarlo e unirlo ai fagioli, insieme alle olive affettate a rondelle e al sedano, lavato e asciugato, tagliato a tocchetti. Aggiungere anche lo scalogno e condire il tutto con un'emulsione di olio, succo di limone, sale e zenzero grattugiato. Mescolare bene e servire (magari accompagnata da nachos, che non avevo in casa ma che secondo me ci stanno benissimo sia per la croccantezza che per la sapidità).


2 commenti:

sississima ha detto...

questa insalata mi stuzzica l'appetito, io, poi, adoro lo zenzero, un abbraccio SILVIA

Laurella ha detto...

grazie mille silvia, sei sempre molto attenta ed entusiasta delle mie ricette :-)