giovedì 2 ottobre 2014

Quando il nome dice tutto

Dice: "Che hai fatto tutto questo tempo?". Dico: "Mi sono innamorata". Dice: "Ma non è successo un lontano e freddo pomeriggio di gennaio di due anni fa?". Dico: "Sì e di quel tipo da spiaggia col ciuffo, l'orecchino e un sorriso che mi scioglie lo sono ogni giorno di più". Dice: "Ok, però fino ad agosto eri innamorata ma scrivevi pure su Tavola". Dico: "Sì, ma nel frattempo mi sono innamorata anche della vita. E il tempo per scrivere si è ridotto".

Questo dialogo surreale non è mai avvenuto davvero, ma è il mio modo per spiegarvi cosa sta accadendo da queste parti. Sono mesi, questi, piuttosto strani per me. Intensi, veloci, pesanti, ricchi di emozioni. Step by step sto costruendo. I pezzi stanno andando al loro posto. Non tutti, ancora, ma un buon numero sì. E Tavola, che per me è da sempre una valvola di sfogo o un'isola felice su cui naufragare per sentirmi al sicuro, non è più l'unica cosa in grado di regalarmi pace. Non smetterà mai di esserlo, intendiamoci. Ma nella scala delle mie priorità è scesa di qualche gradino.

Tuttavia, non ho smesso di cucinare. E ogni tanto mi ricordo anche di fotografare. In fondo non ci vuole poi molto: prepari-fotografi-scrivi-pubblichi. Così, per ricordarlo a me e per rispetto a chi mi legge e chiede a gran voce le ricette di quel che faccio, ecco una chicca da leccarsi i baffi.

Un dolcetto facile facile che si fa in quattro mosse e che si chiama come il numero degli ingredienti utilizzati.

Torta 1-2-3-4-5


  • 1 busta di cacao
  • 2 etti di zucchero
  • 3 uova
  • 4 (gli ingredienti utilizzati)
  • 5 etti di ricotta
Lavorare la ricotta con lo zucchero. Unire le uova, uno alla volta, quindi setacciarvi dentro anche il cacao. Mescolare bene con un cucchiaio di legno e versare in uno stampo imburrato e infarinato (o di silicone). Infornare a 160° in modalità ventilato per 35-40 minuti. Una volta freddo, tagliare il dolce a quadrotti e spolverarlo di zucchero a velo. Vi consiglio di fare questa torta con 1-2 giorni di anticipo perché col tempo migliora (conservatela in frigo!).


Nessun commento: